martedì 22 luglio 2008

Pep e le sue dichiarazioni.


Guardiola lo aveva detto, Deco, Ronaldinho e Eto’o fuori dal Barça, per i primi due è cosa già fatta per il terzo è solo questione di giorni. Fin qui è stato coerente, ammiro il coraggio che ha dimostrato sbarazzandosi di tre giocatori fondamentali e amati (ultimamente forse più odiati) dai tifosi blaugrana. Adesso non vorrei criticare Guardiola ancor prima del suo inizio ma comincio ad avere qualche piccolo dubbio sulla sua coerenza. Il giorno della sua presentazione Pep aveva dichiarato "Buscamos un '9' que haga 60 goles (entre sonrisas). Busco un '9', lo necesitamos, que sea muy bueno y complemento de Henry y Bojan. Que los tres se sientan titulares. Y los nombres que salen en los diarios son muy buenos". I nomi che giravano e che girano sono quelli di Adebayor, Berbatov, a tratti Villa, Benzema (ormai scartato perché non cedibile), Trezeguet, ogni tanto risbuca fuori Drogba.

La trattativa più accreditata è quella con l’Arsenal per Adebayor, ma, quando ormai l’affare sembra concluso salta fuori Txiki dicendo che le trattative per un attaccante sono ferme perché prima di comprare un ‘9’ bisogna piazzare Eto’o. Logico, il ragionamento non fa una piega: prima si vende poi si compra.
A questo punto interviene Guardiola, spalleggiando Txiki, dichiarando che in realtà il nuovo Barça non ha bisogno di un ‘9’ perché comunque ci sono Henry e Bojan. Le trattative sembrano arenarsi del tutto e io comincio ad avere qualche dubbio.

Segue la vendita di Ronaldinho e la conferma che Eto’o andrà via, le valigie le ha già fatte ma non ha ancora trovato nessun offerente (che strano credevo che il camerunese fosse il giocatore meglio piazzabile!) intanto i giornali riprendono a elencare i nomi di possibili acquisti ieri era il turno di Drogba un po’ meno quello di Adebayor, oggi l’ivoriano è in forse ma domani chissà.Continuano a insistere: il Barça deve fare l’acquisto mediatico; presumo che anche la Nike spinga per fare un nuovo acquisto dato che il vero crack che è rimasto è sponsorizzato dall’Adidas.
E’ una questione di vasi comunicanti se partono tutte le stelle ci deve essere per forza qualcuno che riempirà il vuoto lasciato. Non possiamo aver venduto i nostri giocatori più mediatici e non comprare nessuno.

Da una parte i media e lo sponsor vogliono l’acquisto mediatico dall’altra Guardiola torna a insistere a voler puntare solo su Henry e Bojan: “Espero muchísimo de Henry. He hablado con él y sé que el primer año no fue fácil, pero tengo mucha fe con su aportación al equipo. Le quiero dar mucha importancia, y a Bojan también”.
A chi bisogna credere? La logica mi porterebbe a fidarmi di più di Guardiola ma la soluzione che propone lui non mi convince, senza acquisti rimarremmo con un pensionato che non ha fatto altro che lamentarsi per una anno intero che non si è mai adattato al calcio spagnolo e un ragazzino che ha dimostrato tante buone qualità ma deve ancora crescere per cui non possiamo caricarlo di troppe responsabilità e aspettative e non possiamo pretendere da lui che si trasformi dall’oggi al domani in un megacrack.

Anche se a quello che scrivono i giornali non ci credo più da tempo il dubbio rimane, devo credere alle prime dichiarazione di Pep, cerchiamo un ‘9’ o alle ultime, mi bastano Henry e Bojan?

4 commenti:

bridge loan ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Chus ha detto...

Todos andamos tensos con el tema del 9... A mí Drogba me parece pan para hoy y hambre para mañana. Benzema es muy caro y no confío en él, lo siento pero no. Me gustan Villa (muuuuuucho dinero hace falta ahí) y sobre todo Berbatov.

No descartemos que el "hermano" Samuel se acabe quedando... pero si lo hace, que sepa que se sentará en el banquillo de comienzo. Tendrá que empezar de 0. ¿Podrá su cabeza (y su lengua) con semejante reto?

Ya tengo ganas del partido del jueves, la verdad.

ape ha detto...

@Chus
Drogba me suena que estamos pensando en alguien con nombre y no en alguien que venga a ganar titulos. Me parece absurdo vender a Eto’o para comprar a un jugador con caracteristicas bastante parecidas pero más viejo de 3 años.
Yo me quedo con Adebayor y Berbatov.

Si Guardiola quiere hacer un cambio en la actitud del vestuario Eto´o tiene que irse.
Eto’o puede prometer no hablar más, pero en el momento menos adecuado hablará sin pensar, porque ése es su carácter.

Yo tengo ganas de hablar de fútbol jugado.

Anonimo ha detto...

hai cambiato di nuovo grafica. un po' confusa, preferivo l'altra.
comunque... il crack mediatico nike te lo servo io sul piatto d'argento

http://byfiles.storage.msn.com/y1pF1FVkzOELQalOZEa2ixnIk3Q37Tv1A_vUH1E_ZkpHmtB9lix_Fu0sKEbNriOkNWE

guarda bene che belle scarpine che ha il mio amato Menez.

KUBALA