martedì 1 aprile 2008

Il bicchiere è mezzo pieno o mezzo vuoto?

Contenta per la vittoria, questo si. Non posso certamente lamentarmi per una vittoria. Per il resto è meglio stendere un velo pietoso.Il Barça ha sofferto tanto, tantissimo.

È stata una classica partita del Barça, anzi una fotocopia delle ultime partite. La squadra passa in vantaggio e a poco poco smette di giocare. Come al solito il Barça resiste un tempo, applica il suo stile di gioco, mille passaggi per addormentare la partita e qualche timido passaggio in avanti, ma questa sera non si sono manco sprecati a tirare in porta.
Comunque merito a Bojan per il gol e per i suoi continui movimenti a cercar palla, merito a Eto’o per essersi sbattuto e sacrificato ad aiutare il centrocampo in copertura.

Nel secondo tempo la musica cambia, strano non succede mai al Barça e il centrocampo comincia a sgretolarsi, la difesa va in crisi e s’incasina. Sui calci piazzati subiamo tantissimo, siamo un disastro, sempre mal posizionati: nell’ultimo calcio d’angolo c’erano non uno, non due ma tre giocatori dello Schalke liberi in area, e ovviamente uno di loro ha colpito di testa, ma per fortuna non ha segnato.

Lo Schalke comincia a crederci, ci crede sempre di più, riesce a creare 3 o 4 azioni pericolose ma non riesce a segnare perché la fortuna questa sera è dalla parte del Barça. Beh, non mi lamento, con un Barça messo così male un po’ di fortuna non guasta mai.

Non oso immaginare se avessimo dovuto incontrare un’altra squadra, mamma mia non voglio proprio pensarci. Perchè adesso bisogna concentarsi sul ritorno, non possiamo certamente continuare a sperare nei colpi di fortuna.


Non so se qualcun altro l’ha notato, io a fine partita ho visto Eto’o che parlava con Henry e mi sembrava che si rivolgesse al francese in maniera incazzosa. Se gli ha detto che ha giocato da schifo, e che poteva e doveva fare molto di più, beh, allora Eto’o è stato semplicemente fantastico!

La foto è tratta da www.sport.es

9 commenti:

valentino tola ha detto...

La solita partita, son d' accordo con la tua visione. Ora attenti al ritorno, questi qui son capaci di credere di aver già passato il turno...

Iniesta, Puyol ed Eto'o i migliori.

Abbiamo fede, in mancanza d' altro.
Ciao

Sito ha detto...

Los dos pequeños tienen una gran clase, pero la contención del centro del campo no puede depender de un tipo con hernia discal, por muy fuerte que sea este tipo. Y ahí es donde empieza a tambalear el Barça sobre todo en las segundas partes. Pero Frank tiene que hacer puzles y tiene que encajar a éste, al otro que pide la prensa, el que se cabrea, a tal, cual y además que el equipo juegue. Complicado.

ape ha detto...

@valentino
Sai Vale, abbiamo avuto lo stesso pensiero! Ho la stessa identica tua paura, se il ritorno lo giocano convinti di aver già passato il turno possiamo tranquillamente salutare la Champions.
Confido in Rijkaard ha la capacità di riportarli con i piedi per terra, spero solo che venga ascoltato!

Che altro possiamo fare se non continuare a sperare?
ciao

@Sito
El centro del campo se viene abajo en la segunda parte, està claro y los dos pequeños no tienen capacidad defensiva.
Los cambios ayudaron al Barça a recolocarse y resistir hasta el final. Pero el Barça debería resolver los problemas en el centro del campo, no puede confiar en la suerte.

El trabajo de Frank está complicado, pero él lo sabe y puede hacerlo bien.
Sigo confíando en él, tiene esta capacidad de mantener la calma y no ponerse nervioso que tanto me gusta.

¡Animo Frank! ¡Animo Barça!

Anonimo ha detto...

non sono molto d'accordo. come a Siviglia in coppa il Barca ha fatto vedere un atteggiamento tattico completamente diverso. in altre partite vediamo i tre attaccanti isolati in avanti, i difensori dietro e a metà campo i giocatori disposti soprattuto in verticale. ieri abbiamo visto un 451 molto compatto (bojan da solo davanti escluso), poi qualche occasione dalle fasce, soprattutto nel secondo tempo quando lo Schalke ha prodotto il massimo sforzo lo ha prodotto ma se avessi giocato così nel secondo tempo col betis avremmo certamente vinto.

il ritorno sarà difficile. d'altronde visto il Manchester di questi tempi meglio non pensarci proprio e concentrarci sullo Schalke.


KUBALA

ape ha detto...

@kubala
Meno male che non sei molto d’accordo, in caso contrario mi sarei preoccupata!!
Quando parlavo di classica partita del Barça non mi riferivo tanto all’assetto tattico, quanto al gioco globale della squadra. In questo momento è una squadra che riesce a giocare bene solo un tempo, non riesce a rimanere allo stesso livello della prima parte. Anche se cambia il modulo la sostanza rimane quella, il centrocampo non funziona, non regge. E di conseguenza la difesa va in crisi e gli attaccanti rimangono isolati.

Il ritorno non sarà per niente facile, lo credo anch’io e i giocatori dovranno giocare concentrati dall’inizio alla fine e con la mentalità giusta…

In risposta al post precedente.
Touré è stato un grande per come ha giocato e per le sue condizioni, su questo punto andiamo d’accordo. Sicuramente con un altro Touré al posto di Xavi il centrocampo sarebbe tutta un’altra storia ma non credo che in questa maniera il Barça possa risolvere tutti i suoi problemi.

Anonimo ha detto...

scusa Ape, non volevo fare il bastian contrario ma la differenza dell' assetto tattico era talmente grande che non potevo non segnalarlo.

KUBALA

Kagahn ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
ape ha detto...

Caro Kubala, hai fatto bene a sottolineare ciò che ti sembrava importante, l’assetto tattico io non lo neanche considerato perché non è la mia fonte di preoccupazione. Invece, mi preoccupa tantissimo l’incapacità del Barça di reggere tutta una partita, e mi è sembrato giusto evidenziarlo. Ciao.

Gardagami ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.