domenica 11 maggio 2008

A presto Frank.

Quando mi sono resa conto che quella di stasera sarebbe stata l’ultima partita al Camp Nou con Rijkaard in panchina mi è venuta voglia di andare a Barcelona, peccato che la mia brillante idea è naufragata subito visto che questo weekend lavoravo. Purtroppo le sorprese non si fermano qui: alle 20.55 scopro che Sky non trasmette neanche la partita. La notizia non l’ho presa troppo signorilmente, non sono stata all’altezza di Rijkaard. Ma porca miseria, il Barça è caduto così in basso che non rientra neanche più nella programmazione di sky.

Non mi è piaciuta questa scelta, come non mi è piaciuto il modo in cui Frank è stato silurato, poche ore prima del classico e facendo ricadere su di lui tutte le colpe di questa stagione. Non mi è piaciuto lo scaricabarile di Laporta, l’indifferenza di Txiki e le parole tardive e ipocrite di Xavi.

Stasera, almeno per quello che sono riuscita a vedere, lo scarso pubblico del Camp Nou gli ha dedicato un’ovazione, ha salutato Laporta con una ‘pañolada’ e fischiato Deco e Eto’o.Continuerò a ripetere fino alla nausea che non è sufficiente, Rijkaard meritava molto di più sia dai suoi giocatori che dal suo pubblico. Io l’unica cosa che potevo fare l’ho fatta: ho mandato messaggi di sostegno e di ringraziamento a Frank per tutto quello che ha fatto con e per il Barça.

È sufficiente sentire la conferenza stampa di ieri per capire perché ci tengo così tanto a Rijkaard. Sono in momenti del genere che viene fuori la altezza morale di una persona e lui è stato magnifico. Vorrei avere la sua calma e tranquillità, gli invidio il suo karma perfetto e poi vorrei avere la sua classe, io, nella sua stessa situazione,non avrei sicuramente reagito con tutta quella signorilità.

E stasera è arrivata anche la sua lettera d’addio ai tifosi. Semplice e bellissima.
Se ne va dal Barça una persona stupenda lasciando tanti bei ricordi e una profonda amarezza per la sua cacciata.

Torna presto Frank.


7 commenti:

Sito ha detto...

Pero qué adiós más triste a un tipo tan grande. Hoy hemos tenido que escuchar a Txiki decir que le hubiera gustado que Rijkaard hubiera pedido marcharse antes que decirle que no contaban con él. Que no reaccionó cuando había que reaccionar y que dejó que los vicios fueran creciendo en el vestuario. Me he quedado de piedra. Pero claro Txiki también es responsable de eso. Ahora no puede cargarse con toda la culpa. Si es verdad, que lo hubieran destituido hace tiempo o que le hubieran dado más apoyo cuando lo necesitó: ejemplo: Villafranca. Esto demuestra que hay que saber gestionar la gloria, el éxito, y es más difícl que gestionar su búsqueda.

ape ha detto...

@ Sito
Triste es la palabra justa.Te aseguro que esta es la primera vez que siento tristeza por la marcha de un entrenador.
Qué pena porque no ha podido con unos jugadores que han abusado de su amabilidad y le han dejado solo. Traicionado también en su ultimo partido.
Qué pena por cómo se le ha despedido. Y qué pena serán las lágrimas de cocodrilo de los jugadores.

pancho villa ha detto...

Purtroppo Rijkaard paga per tutti, dopo aver portato il Barca dalla crisi a 2 "scudetti", 1 CL e un 2° posto a pari punti col real. Questa stagione non è stata buona, ok, però ha pur sempre raggiunto le semifinali di CL, perse per altro con onore contro un Manchester fortissimo. La Porta? è stato un vigliacco a scaricare l'allenatore per placare la tifoseria - verissimo - però di soldi l'estate scorsa ne ha spesi. Tutto sommato chi si aspettava un Henry inesistente, un Abidal così deludente e una serie di infortuni così assurda? Secondo me bisognava stare più calmi e rifletterci con più calma, non assecondando per forza gli umori della piazza. Ovviamente, fermo restando che alcuni sedicenti "campioni" che dovevano essere l'esempio per tutti si sono rivelati solo degli arroganti buffoni e se ne devono andare...

ape ha detto...

@pancho villa

Hai ragione, Rijkaard sta pagando per tutti. Paga due stagioni in cui non si è vinto niente, una campagna acquisti che sulle carta sembrava buona e invece si è rivelata disastrosa, una serie lunghissima di infortuni e paga perché lungo la strada abbiamo perso (in alcuni casi si sono persi) pedine importanti della squadra.
Il fatto che almeno una decina di giocatori sono considerati cedibili la dice lunga su chi siano veramente i responsabili.Accusano Frank di non aver saputo gestire lo spogliatoio per poi dichiarare che bisogna cambiare più della metà dei giocatori. Allora c'è qualcosa che non funziona nello spogliatoio e nei giocatori, non nell'allenatore.
Continuerò a pensare che è stata un’ingiustizia, avrei voluto ancora vederlo sulla panchina del Barça il prossimo anno. Credo che con una squadra rinnovata avrebbe potuto far faville.
È stato così bravo a far rinascere i blaugrana: gli avevano messo nelle sue mani una squadra con grandi potenzialità e lui è riuscito a tirarle fuori, era un gruppo di giovani con voglia di spaccare il mondo e farsi conoscere, e hanno vinto. Solo che questa voglia negli ultimi due anni è sparita, tanti giocatori si sono cancellati, rovinati dal loro stesso ego. E Rijkaard, fedele alla sua linea, non gli ha detto niente, ha continuato a difenderli in pubblico e ad applicare l’autogestione perché diceva che sono i giocatori stessi che devono sapersi gestire. Non l’hanno capito, se ne sono fregati, hanno approfittato di mille permessi, non hanno onorato lo scudo del fcb e il risultato è sotto gli occhi di tutti: stagione disastrosa del Barça, la ‘pañolada’ al Camp Nou ormai è fissa e i fischi anche.
Se ci fosse un po’ di giustizia dovrebbero andarsene via Laporta, Txiki e tutti i giocatori viziati. Sarebbe una bella rivoluzione, impossibile che si verifichi: non riusciremo a vendere bene tutti i giocatori che ho in mente. Tanto per fare un esempio: a chi rifiliamo Henry?

Visto il tuo nick ti saluto alla maniera di Rijkaard:
¡Viva México!

Pancho Villa ha detto...

Henry? lo vedo bene in una delle 2 milanesi: Inter per il prezzo, Milan per l'età, entrambe per l'assoluta inutilità del personaggio. Comunque siempre viva México cabrones!

Anonimo ha detto...

que tonteria. el problema del barca no es el vestuario sino la plantilla. echa (por txiki) sin ningun criterio.
con Essien en lugar de Xavi o Deco el Barca algo lo habia ganado este ano a pesar de las lesione y de todo.
Rijkaard se marcha, pero creo que esto ja estaba planeado desde tiempo y habia pasado lo mismo si hubiera ganado la champions.

Henry ha dato quello che mi aspettavo, una stagione senza infamia e senza lode. Abidal lo si sapeva che era più un difensore puro che un fluidificante (non è stato capace di mettere un cross buono in tutta la stagione!!!) e che come tale non serviva al Barca. Milito , lo dico altrove è troppo simile a Puyol. l'unico acquisto che mi convinse un anno fa era quello di Toure. io una stagione così la temevo e me l'aspettavo. il guaio è che se si concretizzano le voci di alves, palacio, pique etc... il prossimo anno sarà anche peggio. Txiki vattene!!!

KUBALA
KUBALA

ape ha detto...

Ho sempre sostenuto di non volere Henry e continuo a pensarlo.Come dice Pancho, è inutile.
Abidal è vero non ha mai fatto un cross che uno, però all'inizio della stagione pur senza crossare giocava bene poi è crollato miseramente.Perchè?

Mi associo alla tua protesta: Txiki vattene!